Gran Loggia di Sicilia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Solstizio d'Inverno 2014 - Fratello, dove sei?

Documenti

English version

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

Winter Solstice 2014
The ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE for the Mediterranean Jurisdiction – has celebrated the anniversary of the Winter Solstice 2014 in a Convent at the Zenith of the Mediterranean. The Ritual Masonic Body, the Grand Masters and the Venerable Masters of the Mediterranean Grand Lodge, the National Grand Lodge of Ancient Freemasons of Italy, the International Mediterranean Grand Lodge and the Grand Lodge of Sicily have taken part at the closure of the ritual works, the Supreme Council has approved the Document entitled “O Brother, Where Art Thou?"

Document Winter Solstice 2014
of Supreme Council of the 33rd:. grade
of the Sovereign Grand Inspector Generals
of the ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE
for the Mediterranean Jurisdiction
ROSAE CRUCIS ORDO


O Brother, Where Art Thou?

Puns
Peace, tolerance, brotherhood, equality, liberty are abused terms, today less than ever applied in reality. The better future by so many always hoped has not been achieved and indeed, in most parts of the world, the conditions in which humanity finds itself are undergoing significant worsening.
Rants are not followed by facts, words and intentions seem to be consuming in instrumental attempts to resolve the many rampant crisis in the interest of any parties in dispute, often for other interests of undetectable subjects. What's more, it seems to appear an higher "will" (almost a preordained design) which requires, at the best, a negative stagnation and even the pressures to build, rather than destroy. Inevitably they run out in a horrifying indifference. That's why fall into the void the stresses that have the goal of "uniting" what is scattered and dispersed: because nobody has received invitations to "dialogue"; that is why the Temple of Understanding has collapsed and failed his reason for being.
What remains to be done by men of good will? To shut themselves in their
athanor and passively watch the unfolding events? Or - always passively - limited to be witnesses of a time that probably is reaching its final moment? It is difficult to give concrete answers to those questions; equally it is difficult to travel along unknown roads to equally unknown destinations.

Without understanding there is no dialogue
This is the critical point that Masons are going through the heads of the world institution - that even now is called "Universal" - do not give "guidance" or indications of any kind, encouraging the development of lobbies (increasingly circumscribed to few "Elects") whose interests have little to do with what the Institution is (or should be) and what the Institution represents and has represented.
Understanding does not mean "sharing": it means first of all “ to know ” for understanding. Without a direct and deep knowledge no analysis is possible and therefore no dialogue can be started up. To know it is essential to have adequate information tools not limited only to what appears, but above all must be targeted to the "discovery" of what is not visible.
Attempts to "dialogue" fail - or are destined to fail - because the understanding, at the best, is one-way and there is almost never match and equal reciprocity of intent in those who profess to be "available".
The term "dialogue" has consequently lost its real meaning : whom you should talk to if the other person pursues purposes not to be shared or tries to impose a way of thinking and operating that is foreign to the same principle of dialogue? Understanding, therefore, as a tool to reach a possible dialogue, to put a stop to the hypocrisy, not to create false hopes and wrong perspectives.
The Masonic Body is alive but his waiting position is dangerous : the delegation to operate that was given to the Summit immobilizes him, the institutional life was in fact transformed into service clubs activities and all this while there are incumbent dangers that threaten the human survival itself.
It 's true, there are sporadic Masonic words denouncing the intolerable situation that we all live, but today have little effect on the consciousness overwhelmed by false "truths" disseminated by the mass media. And this is not the worst aspect: it is penetrating and spontaneously arise the doubt about the real reasons that are causing the absence of the authoritative voice of the Masonic Institution on what is happening. Masonry - for good or bad - has always been "driving" the communities in which it is inserted: his voice is not there, the Masons do not feel it , people do not hear it. It is consequential to ask "why": an escape from reality? Or one opportunism targeted to other scoops? Also to these questions is difficult to answer.
The ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE for the Mediterranean Jurisdiction - ROSAE CRUCIS ORDO, was born as a sovereign and independent Motherhouse to join Masonry in the countries of this area of the world, an initiative that no one has ever started in unit.


M as a capital letter
And the reason for this choice, that we confirm and renew each day in the strength of its foundations, is soon said:
It comes with three faces, lives in three bodies, is expressed in three essences: is the big M that merges itself in Masonry, Middle East and Mediterranean.
Three entities gathered in a common path towards the good and life or the evil and death.
Three realities right now afflicted by the same tragedies, troubled by the same anxieties and fears.
Divisions, hatred, riots, wars, abuse of power, greed and power disfigure their faces, ravaging the bodies or kill, annihilate the essences: and it is the chaos.
Maybe somebody is convinced to have the power to dominate the chaos, like a god: we do not believe it is possible, at least until the man will exercise the free will. The wind turns into storm; the darkness does not give life; the disorder does not save; weapons kill and do not feed; wars bring grief to everyone and temporary benefits to those who unleashed and then rush in other war to defend the loot plundered, the related benefits and the ranks of power.
So it has been. And so it will be: a) if we do not let triumph the free will of all FREE MEN OF GOODWILL; b) if you do not delete the noxious effects of the controlled misinformation with which they (the potent people and their courtiers, modern Manichaean) present as evils and our enemies (and of our vices rather than virtues) those who do not fit to be slaves and victims of our transgressions; c) if we do not stimulate our people and their representatives (more or less democratically elected or simply appointed by the superior or diverted will) not to obey uncritically to those who want to get rich with the chaos and then command.


Versione italiana

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

SOLSTIZIO D’INVERNO 2014


Il Rito Scozzese Antico e Accettato per la Giurisdizione del Mediterraneo – Rosae Crucis Ordo Giurisdizione del Mediterraneo, ha celebrato la ricorrenza del Solstizio d’Inverno 2014 in un Convento allo Zenit del Mediterraneo. Hanno preso parte il Corpo Massonico Rituale, i Gran Maestri e i Maestri Venerabili della Mediterranean Grand Lodge, della Gran Loggia Nazionale degli Antichi Massoni d’Italia, della International Mediterranean Grand Lodge e della Gran Loggia di Sicilia. A conclusione dei lavori rituali il Supremo Consiglio ha approvato il Documento dal titolo “Fratello, dove sei?”.

Documento del Solstizio d’Inverno 2014
del Supremo Consiglio del 33° e ultimo grado
dei Sovrani Grandi Ispettori Generali
del Rito Scozzese Antico e Accettato
Giurisdizione del Mediterraneo

ROSAE CRUCIS ORDO


Fratello, dove sei?



I giochi di parole
Pace, tolleranza, fratellanza, eguaglianza, libertà: termini usati e abusati, oggi meno che mai applicati nella realtà. Il futuro migliore da tanti e da sempre auspicato non si è realizzato e, anzi, in più parti del mondo le condizioni in cui si trova l'umanità sono in fase di significativo peggioramento.
Alle declamazioni non seguono i fatti e le parole e gli intendimenti paiono consumarsi in tentativi strumentali di risolvere le tante crisi dilaganti nell’interesse di qualcuna delle parti in contesa, per altro spesso per
interesse di soggetti non individuabili. Di più: sembra apparire una “volontà” superiore (quasi un disegno preordinato) che impone, nel migliore dei casi, una stagnazione negativa e anche le spinte indirizzate a costruire, anziché a distruggere, inevitabilmente si esauriscono in una indifferenza raccapricciante. Ecco perché cadono nel vuoto le sollecitazioni che hanno l’obbiettivo di “unire” ciò che è sparso e che si disperde; ecco perché non vengono accolti gli inviti al “dialogo”; ecco perché il Tempio della Comprensione è crollato ed è fallita la sua ragione d’essere.
Cosa resta da fare agli Uomini di buona volontà? Rinchiudersi nel proprio
athanor e assistere passivamente allo svolgersi degli eventi? Oppure - sempre passivamente - limitarsi a essere testimoni di un tempo che con molta probabilità sta raggiungendo il suo momento finale? Difficile dare risposte concrete a questi interrogativi; altrettanto difficile percorrere strade ignote dalla destinazione altrettanto ignota.

Senza la Comprensione non c’è Dialogo
E’ questo il punto critico che gli Uomini Massoni stanno attraversando là dove i vertici dell’Istituzione mondiale - che ancora adesso si definisce “Universale” – non danno “linee guida” o indicazioni di sorta, favorendo lo sviluppo di lobbies (sempre più circoscritte a pochi “Eletti”) i cui interessi poco hanno a che vedere con ciò che l’Istituzione è (o dovrebbe essere) e con ciò che l’Istituzione rappresenta ed ha rappresentato.
Comprensione non significa “condivisione”: vuol dire innanzitutto “conoscere” per “comprendere”. Senza una conoscenza diretta e approfondita nessuna analisi è possibile e quindi nessun dialogo può aprirsi. Per conoscere è indispensabile possedere adeguati strumenti d’informazione che non si limitino soltanto a ciò che appare, ma che soprattutto devono essere rivolti alla “scoperta” di ciò che non è visibile.
I tentativi di “dialogo” falliscono – o sono destinati a fallire – poiché la comprensione, nella migliore delle ipotesi, è a senso unico e quasi mai c’è corrispondenza ed eguale reciprocità d’intenti in chi si professa “disponibile”.
Il termine “dialogo” ha, di conseguenza, perduto il suo reale significato: con chi si dovrebbe dialogare se l’interlocutore persegue finalità non condivisibili o cerca di imporre la propria linea di pensiero e di operatività che è estranea allo stesso principio di dialogo? Comprensione, pertanto, come strumento per raggiungere un possibile dialogo, per porre un freno alle ipocrisie, per non creare false speranze e prospettive sbagliate.
Il Corpo Massonico è vivo ma è pericolosa la sua posizione attendista: la delega ad operare che ha dato lo immobilizza, la vita istituzionale è stata di fatto trasformata in attività da club service, e tutto ciò mentre incombono pericoli che mettono a rischio la stessa sopravvivenza umana.
E’ vero, ci sono sporadiche parole massoniche che denunciano l’intollerabile situazione che tutti viviamo, ma oggi incidono poco sulle coscienze sopraffatte dalle false “verità” divulgate dai mass media. E non è questo l'aspetto peggiore: è penetrante, e sorge spontaneo, il dubbio sui reali motivi che stanno determinando l’assenza dell’autorevole Voce dell’Istituzione massonica su quanto sta accadendo. La Massoneria – nel bene e nel male – è sempre stata “guida” delle collettività nelle quali è inserita: la sua Voce oggi non c’è, non la sentono i Massoni, non la sente la gente. Consequenziale chiedersi il “perché”: una fuga dalla realtà? Oppure opportunismi che perseguono obbiettivi sconosciuti? Anche a questi interrogativi è difficile rispondere.

IL RITO SCOZZESE ANTICO E ACCETTATO per la Giurisdizione del Mediterraneo –ROSAE CRUCIS ORDO
Giurisdizione del Mediterraneo, è nato come Casa Madre sovrana e indipendente per unire la Massoneria dei Paesi di questa importante area geografica del mondo, iniziativa che nessuno unitariamente ha mai voluto avviare.

La Grande M
E il perché di questa scelta, che confermiamo e rinnoviamo ogni giorno nella forza delle sue fondamenta, è presto detto:presenta con tre volti, vive in tre corpi, esprime tre essenze: è la grande M che fonde in se Massoneria, Medioriente, Mediterraneo.
Tre entità unite in un comune cammino verso il bene e la vita o verso il male e la morte.
Tre realtà in questo momento afflitte dalle stesse tragedie, travagliate dalle stesse ansie e paure.
Divisioni, odi, scontri, guerre, prevaricazioni, avidità e potere deturpano i volti, devastano o uccidono i corpi, annichiliscono le essenze: ed è il caos.
Forse qualcuno è convinto di potere dominare il caos, quasi fosse un dio: noi non lo crediamo possibile, almeno finché l’uomo potrà esercitare il suo libero arbitrio. Il vento si muta in tempesta; le tenebre non danno vita; il disordine non salva; le armi uccidono e non sfamano; le guerre portano lutti a tutti e benefici temporanei a chi le scatena e poi precipitano in altre guerre per la difesa del bottino saccheggiato.
Così è stato. E così sarà: a) se non facciamo trionfare il libero arbitrio di tutti gli uomini LIBERI di BUONA VOLONTA’; b) se non cancelliamo i deleteri effetti della disinformazione comandata, con cui i potenti e i loro cortigiani (moderni manichei) presentano come malvagi e nemici nostri (e dei nostri vizi più che virtù) quelli che non ci stanno ad essere vittime e schiavi delle nostre prevaricazioni; c) se non stimoliamo le nostre genti ed i rappresentanti (più o meno democraticamente eletti o semplicemente nominati per volontà superiori e/o deviate) a non obbedire acriticamente a chi col caos vuole arricchirsi e comandare.è proprio nel Mediterraneo che attualmente pare si stiano giocando i destini dell’intero pianeta. In quest’area geografica dove la parola “Pace” ha perduto il suo valore, dove alla tolleranza si è sostituita la più esacerbata intolleranza, dove in nome delle religioni si perpetrano tutte le nefandezze che le religioni stesse condannano, dove il senso di ciò che è umano è stato stravolto, dove sta avendo inizio la Terza Guerra Mondiale.
Nella messa al Sacrario di Redipuglia, papa Francesco ha condannato i “pianificatori del terrore, questi organizzatori dello scontro, come pure gli imprenditori delle armi, gli "affaristi della guerra", che "hanno scritto nel cuore: A me che importa?". Qui ci sono tante vittime. Oggi noi le ricordiamo. C'è il pianto, c'è il dolore. E da qui ricordiamo tutte le vittime di tutte le guerre", ha detto il Pontefice nell'omelia. "Anche oggi le vittime sono tante... - ha proseguito -. Come è possibile questo? E' possibile perché anche oggi dietro le quinte ci sono interessi, piani geopolitici, avidità di denaro e di potere, e c'è l'industria delle armi, che sembra essere tanto importante!".
La Terza Guerra Mondiale è iniziata, è solo combattuta a pezzetti, a capitoli. Con la fine delle egemonie mondiali delle due superpotenze Stati Uniti d’America e Unione Sovietica, le crisi regionali si sono moltiplicate esponenzialmente, dal Mediterraneo al Medio Oriente, dall’Asia centrale all’Africa. Si delinea una oscura trama: la lotta globale per il riequilibrio fra le potenze, la caccia alle risorse energetiche e alimentari sempre più scarse e preziose, il rafforzarsi, in tutti i campi, di leadership oltranziste che fanno della violenza l’unico mezzo per emergere e regolare i conti.
E oltre ai micro conflitti armati in tante parti del mondo (che cosa crudele definire micro conflitti, guerre che insanguinano interi territori...), cosa sono le turbolenze finanziarie da cui sono attraversati i cosiddetti Paesi sviluppati in questi anni, se non conflitti giocati con armi non convenzionali? Non ci sono vittime, forse? O non le vediamo solo perché non vi sono le tracce evidenti delle conseguenze di un conflitto armato? Quanti morti ha fatto davvero la crisi che avvolge il pianeta da almeno un lustro? E in che classi sociali? E chi è stato invece beneficiato dal conflitto non convenzionale? È davvero triste vedere alcuni di coloro che dovremmo definire Fratelli banchettare con i resti di civiltà morenti, in attesa che popoli furenti, interni e stranieri, vengano a chiedere il conto delle loro malefatte. Si ricordano costoro gli impegni presi per l’Umanità?


Per un Muro caduto, tanti innalzati
Venticinque anni addietro veniva abbattuto il Muro Di Berlino, un Muro che divideva una città, un Paese, la Germania: simbolo della divisione di un mondo che aveva perduto la visione della Pace e della Fratellanza umana. I festeggiamenti per quell’evento hanno accentuato la constatazione di una sconfitta poiché quella tragica esperienza ben poco ha insegnato a chi governa le moltitudini. Tanti altri Muri, infatti, nel corso degli ultimi 25 anni sono stati innalzati quasi a beffarsi della volontà comune che cerca solidarietà e serenità.
A Berlino per partecipare alla celebrazione della caduta del Muro, Mikhail Gorbaciov, ha accusato l'Occidente e fatto rivivere vecchi fantasmi: "Siamo sull'orlo di una nuova guerra fredda. Alcuni dicono che è già iniziata". Già dal 1990, secondo Gorbaciov, l'Occidente ha iniziato a seppellire la fiducia che la rivoluzione pacifica aveva reso possibile. Ci sono molti esempi, ha elencato, "l'espansione della Nato, la Jugoslavia e soprattutto il Kosovo, il piano di difesa missilistico, e poi Iraq, Libia, Siria. E chi soffre di più di tutto questo? - ha aggiunto -: l'Europa, la nostra casa comune". Avvertimenti non casuali proprio nel giorno della commemorazione di quei 25 anni dal crollo del Muro.
La Voce della Massoneria non può spegnersi, i Massoni non possono limitarsi a guardare come se fossero insensibili a tutto ciò che si verifica sotto i loro occhi. Il richiamo è dunque al Dovere che ogni Massone ha, avendo giurato di operare per un Bene comune, per il Bene dell’Umanità. Se il Massone tradisce il Giuramento prestato volontariamente, tradisce se stesso, non è più un Massone.
E proprio per questo, in questo tempo di crisi, al Massone è demandato uno sforzo maggiore per trovare i luoghi e i punti di incontro per risolvere le controversie e far si che i principi su cui ha poggiato la propria crescita personale diventino cosa comune e beneficio per l'umanità. Ricordiamoci di restare liberi per riscattare la grande M e ridarle luce e splendore: per noi, per l’Umanità, alla gloria del sommo Creatore, il Grande Architetto dell’Universo, l’unico capace di dominare e governare il “caos” per farne “ordine”.
Fratello, dove sei?


Share |

Torna ai contenuti | Torna al menu