Gran Loggia di Sicilia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Solstizio d'Estate 2015 - A lonely path - Un cammino solitario

Documenti

English version

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

Summer Solstice 2015

The Ancient and Accepted Scottish Rite - Ordo Rosae Crucis, to the jurisdiction of the Mediterranean, at the zenith of Rome celebrated the anniversary of the Summer Solstice to the presence of the Body ritual, the Grand Masters and the Worshipful Masters of the Grand Lodge of Sicily, National Grand Lodge of Ancient Freemasons of Italy, the Grand Lodge of the Mediterranean, the Mediterranean International Grand Lodge, Grand Lodge of the International Female.


Document of
Supreme Council of the 33rd :. degree and last grade
of the Sovereign Grand Inspector Generals
of the


ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE
for the Mediterranean Jurisdiction
ROSAE CRUCIS ORDO
Mediterranean Jurisdiction


A Lonely Path

Today it is a lonely Way, that of Mason: a lonely walk, at the best, within its own Loggia and Communion to which it belongs: to "Universality" in Freemasonry today does not seem to have anything left!

The global landscape that the institution of the present day has is to a great fragmentation under the aegis of the "areas of influence" of the Grand Lodges, once referred to as "Sovereign" in the country they represented. The proliferation of an institutional different identity and often conflicting policies, combined with the absence of planning, have favored in the last century in the same country the "birth" of separate Masonic nucleis, each of which is independently given legitimacy which, though considered improper, it is justified by the absence of a general direction, connected to the "universality", theoretically cornerstone of Freemasonry. The Institution, deprived of the necessary coordination between the Grand Lodges and a common policy, facilitated the process of "subsidiaries" that, over the years, has become irreversible. Now it is noted, with regret, that in each country the Masons are no longer collected in a single bed, but in a thousand streams from characterizations not always crystal clear.

And certainly the true is that, in its universality, Freemasonry must take into account what it is the natural root, that is, the country where it operates, and therefore has special features that differentiate it, because the history is different from country to country; these characteristics are preserved and passed down, as for every people constitute their own tradition, tied to its past. It is also true that all this would have to derive the operation, the search of the points that unite. By contrast appears the current situation, characterized by the "division of areas" of influence, which look more like a division of "colonial" profane and certainly not inspired by Masonic.

Freemasonry cannot adapt to the policies that identify the profane world: whether it is the past, present and future, this present for any aspect reflects what the institution has been and should still be, no longer connected to the thought that has originated.

Who benefits from a fragmented Freemasonry that ignores its purpose? How it can work for the good of humanity, when they cannot heal the wounds caused by the constant diasporas and cleavages that result in territorial dependencies? What Mother Grand Lodge can claim in these circumstances the right to call themselves sovereign and consider its members as subjects and not as brothers?

In this context, we still need, more than appropriate ,to work for bringing together what has been lost and return back to Tradition: it is not acceptable that is the same Freemasonry to cause lacerations. If today the institution is shown broken, it is because they have lost the principles that have always inspired; because its objectives are in the shade; because individual interests have prevaled; because intolerance, arrogance, the frantic search of power have ended up putting into oblivion those rules that are the "boundary stones" between white and black, with the associated emergence of gray areas.

The Ancient and Accepted Scottish Rite - Ordo Rosae Crucis, Jurisdiction of the Mediterranean, from ancient time recalls the Brothers of each order and degree of their responsibilities, stating the next reconstruction of a temple that belongs to all the Brothers. The work that is being carried out is not to be merely preparatory to the construction of a "spiritual temple", or addressed only to the philosophical search for "truth," or our "perfection": if it were limited to this, it would not have present, nor future. There is a Masonic purposes that should be considered a "constant" indispensable: the pursuit of the "common good". This aim, therefore, requires the daily confrontation with the outside, with the profane world.

The awareness of this urgency led us to continue will spread documents that expose our processes: the answer is a silence full of meaning.
We must take note that the collective yearning towards finding a comprehensive peace is anesthetized by myriad conflicts and necessity denied that reflect the interests of small and large masses of the population. That's the reason to pursuit in appealing to the awareness of our role: to us and to the Brothers who want to take up the torch of the true light, of the task of "wake up" dormant consciences. The tools to bring human beings to the search for his own and others' improvement abound. The chaos that rules the world can be reconstructed only with the perfect order of the Masonic principles: "Liberty, Equality and Fraternity". Freemasonry, does not want to deny their very right to exist, it has a duty to contribute in what certainly is a time of action: the construction of the individual, of his conscience, in the search path toward perfectibility. All this is a mystery to those who will not see, it is the secret for those who will not understand: the institution is never an end in same, as is the duty of every individual who possesses the fundamental requirement, or be subject to free and good morals.

It's been four centuries since John Donne wrote his famous sermon, "No man is an island", well known to Ernst Hemingway (the quotes in For Whom the Bell Tolls) and Thomas Merton (author of the book of the same name). It follows in the Masonic field that no institution is an island. In his "Anatomy of the world" the same John Donne wrote that "...a new Philosophy calls all in doubt." In humans even then was manifested the absolute need to change, from poor and frivolous one to a scary man with a very specific purpose, able to determine a course of conduct, not an end in itself but steadily uprising seeking improvement through a rigorous search in every subject of perfectibility in "free and good moral", peculiar characteristics of the Mason man from the dawn of time.

Today we find ourselves in the same situation, but in the meantime we are witnessing the disintegration of moral values
??of the past at the hands of misguided policies and interpreted even worse, with the predominance of individual interests.
Men, peoples, nations, cultures, civilizations have always borrowed from others teachings, benefits, advancements and reciprocal contributions, all of humanity has benefited derivative progress. Only when men and their combinations (finite entities, or might be individuals, groups, nations, continents, institutions) understand (and implement) any entity over which is the "whole" and/or "better", but each is part entirely in the grand design of life, then you can build a better world.

Then, if the summits of international Freemasonry are silent (perhaps because of unmentionable interests ...) we turn to the Freemasons, to all those who have chosen the path of initiation: the call to search for a "common good".
These words are addressed to us, but also to all those who feel themselves to be Masons. A spontaneous question arises, also because it faces Brothers for whom the use of the compass is something ancient, "WHO WE ARE, WHAT WE DO AND WHERE DO WE GO ? ". This is a clearly provocative question but present: just look at the behavior of many Brothers to realize the institutional vacuum and profane. Many brothers wonder what it does our institution to solve this situation that now involves the whole globe. The answer is the finding of the "divide and rule", as they said and put into practice the Romans: this is what is happening in our institution. The deception has crept even among those who were supposed to monitor and react, but the strength that has always characterized our institution has been frozen. This situation forces us to reflection, obliges us to compare with all the Brothers who say they are of "good will" and show themselves available to make the pomegranate truly become an element of unity. We, like others, we will not be tired to work for our and, above all, for the good of humanity '. A job that we absolve humbly leaving out the materiality and exalting the virtues that we all, entering a TEMPLE, we light with its meaning that candelabrum called, since ancient times, MENHORA. The Mason must regain consciousness of itself, of its work and its actions: only in this way you can re-create that Universality 'essential to all of us and to the whole world.

We turn, then, to all those Masons who will have the good sense and the courage to say "Enough! 'Now is time to act! "On the basis of the principles for which he is Mason and remains in Masonry; for those who will choose otherwise, it will be very difficult to continue to define himself as "Mason". And the task of every Mason, because of a world crisis in continuous deterioration, should be to establish with all its strength the true Brotherhood, performing the role of "glue" between the best stones, those well squared. It is set up as the tool of the right to live, both in the individual and collective dimension; and it is also the basis of life on which to build sincere relationships, not devoted to personal interests.
A " Social System “ is collapsing. When a "system" collapses , you must replace it with another: if you are ready for an alternative, if you have not prepared an alternative, then you will fall into the abyss.

And “the Masonic Institution” in its Tradition tells us "What to do
" re-raise the columns of the Temple in the Universality of the Brotherhood, coming off the tunnel of inertia and indifference.
Dialogue does not mean "give" something to someone, but find a meeting point on which lay the foundation for understanding the reasons of one or the other. If we want to re-build a common temple , it is necessary to re-build a dialogue, step by step.
To re-build a dialogue, we might be partners of each other.


Versione italiana

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

SOLSTIZIO D’ESTATE 2015

Il Rito Scozzese Antico e Accettato – Rosae Crucis Ordo, per la Giurisdizione del Mediterraneo, ha celebrato allo Zenit di Roma la ricorrenza del Solstizio d’Estate alla presenza del Corpo rituale, dei Gran Maestri e dei Maestri Venerabili della Gran Loggia di Sicilia, della Gran Loggia Nazionale degli Antichi Massoni d’Italia, della Gran Loggia del Mediterraneo, della International Mediterranean Grand Lodge, della Female International Grand Lodge.


Document of Supreme Council of the 33rd :. degree
and last grade of the Sovereign Grand Inspector Generals
of the


ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE
for the Mediterranean Jurisdiction
ROSAE CRUCIS ORDO
Mediterranean Jurisdiction


Un Cammino Solitario


Oggi è un Cammino solitario, quello del Massone: un Cammino solitario, nel migliore dei casi, all’interno della propria Loggia e della Comunione alla quale appartiene: di “Universalità” nella Massoneria attuale non sembra essere rimasto nulla!
Il panorama mondiale che l’Istituzione dei giorni nostri presenta è quello di una grande frammentazione, sotto l'egida delle “aree d’influenza” delle Gran Logge, un tempo indicate come “Sovrane” nel Paese che rappresentavano. Il proliferare di identità istituzionali diverse, e spesso di linee di condotta contrapposte, unitamente all'assenza di progettualità, hanno favorito nel secolo scorso in uno stesso territorio nazionale la “nascita” di nuclei massonici separati, ognuno dei quali si è autonomamente attribuito una legittimità che, seppur considerata impropria, è giustificata dall’assenza di un indirizzo generale, connesso a quella “Universalità”, teoricamente elemento fondante della Massoneria. L’Istituzione, privata dell’indispensabile coordinamento fra le Gran Logge e di una linea di condotta comune, ha favorito il processo delle “filiazioni” che, nel tempo, è diventato irreversibile. Ora si constata, con rammarico, che in Ogni Paese i Massoni non sono più raccolti in un unico alveo, ma in mille rivoli dalle caratterizzazioni non sempre cristalline.

E’ indubbiamente vero che, nella sua Universalità, la Massoneria deve tener conto di ciò che ne è la radice naturale, cioè il Paese dove opera, e pertanto ha peculiarità proprie che la differenziano, in quanto diversa è la Storia da Paese a Paese; tali peculiarità vanno custodite e tramandate, in quanto per ogni popolo costituiscono la propria Tradizione, legata al proprio passato. È altrettanto vero che da tutto ciò, avrebbe dovuto scaturire l’operatività, la ricerca dei punti che uniscono. Di tutt’altra natura appare l’attuale situazione, caratterizzata dalla “ripartizione delle aree” d’influenza, che assomigliano più a una spartizione “coloniale” di natura profana e non certo di ispirazione massonica.
La Massoneria non si può adeguare alle politiche che caratterizzano il mondo profano: se essa è passato, presente e futuro, questo presente per nessun aspetto rispecchia ciò che l’Istituzione ha rappresentato e dovrebbe ancora rappresentare, non essendo più connessa al pensiero che l’ha originata.

A chi giova una Massoneria frammentata che ignora le sue finalità? Come Essa può operare per il bene dell’Umanità, quando non riesce a sanare le ferite provocate dalle continue diaspore e dalle scissioni che si traducono in dipendenze territoriali? Quale Gran Loggia Madre può arrogarsi in queste condizioni il diritto di denominarsi Sovrana e considerare i suoi appartenenti come sudditi e non come Fratelli?

In tale contesto riteniamo ancora necessario, più che opportuno, lavorare per riunire ciò che si è disperso e che si ritorni alla Tradizione: non è accettabile che sia la stessa Massoneria a provocare sue lacerazioni. Se oggi l’Istituzione si mostra frantumata, è perché si sono smarriti i principi che l'hanno da sempre ispirata; perché sono in ombra i suoi obbiettivi; perché gli interessi individuali hanno avuto prevalenza; perché l’intolleranza, la superbia, la ricerca spasmodica del potere, hanno finito col mettere nel dimenticatoio quelle Regole che sono le “pietre di confine” fra il bianco e il nero, con il connesso manifestarsi di zone grigie.

Il Rito Scozzese Antico e Accettato - Rosae Crucis Ordo, Giurisdizione del Mediterraneo, da tempo richiama i Fratelli di ogni Ordine e grado alle proprie responsabilità, affermando la improcrastinabilità della ri-costruzione di un Tempio che appartenga a tutti i Fratelli. Il lavoro che viene portato avanti non vuol essere soltanto preparatorio per la costruzione di un “Tempio spirituale”, o rivolto solo alla ricerca filosofica della “Verità”, o del nostro “perfezionamento”: se si limitasse a questo non ci sarebbe presente, né futuro. C’è una finalità massonica che deve essere considerata una “costante” irrinunciabile: il perseguimento del “bene comune”. Questa finalità, di conseguenza, impone il confronto quotidiano con l’esterno, con il mondo profano.

La consapevolezza di questa urgenza ci ha spinto a continuare a diffondere documenti in cui esponiamo le nostre elaborazioni: la risposta è un silenzio carico di significato.
Bisogna prendere atto che l’anelito collettivo verso la ricerca di una pace globale è anestetizzato dalle miriade di conflitti e di necessità negate che caratterizzano gli interessi delle piccole e grandi masse di popolazione. Ecco la ragione dell’insistere nell’appello alla consapevolezza del nostro ruolo: a noi ed ai fratelli che vorranno raccogliere la fiaccola della vera luce spetta il compito di "svegliare" le coscienze dormienti. Gli strumenti per ricondurre gli esseri umani verso la ricerca del proprio e dell’altrui perfezionamento non mancano. Il caos che governa il mondo può essere ricomposto solo con l'ordine perfetto dei principi massonici: "Libertà, Uguaglianza e Fratellanza”. La Massoneria, se non vuole negare la propria stessa ragione di esistere, ha il dovere di contribuire in quello che certamente è un momento di azione: la costruzione dell'individuo, della sua consapevolezza, nel percorso di ricerca verso la perfettibilità. Tutto ciò è mistero per chi non vuol vedere, è segreto per chi non vuol comprendere: l’Istituzione mai è fine a se stessa, come è il dovere di ogni individuo che possegga il fondamentale requisito, ovvero essere soggetto libero e di buoni costumi.

Sono passati quattro secoli da quando John Donne stilò il celebre sermone “Nessun uomo è un'isola”, ben noto a Ernst Hemingway (lo cita in Per chi suona la campana) e a Thomas Merton (autore del libro omonimo). Ne consegue in campo massonico che nessuna istituzione è un’isola. Nella sua “Anatomia del mondo “ lo stesso John Donne scrive che “…una nuova Filosofia sta mettendo tutto in dubbio “. Nell’uomo già allora si manifestava un assoluto bisogno di mutazione, da povero essere pauroso e frivolo a Uomo con uno scopo ben preciso, capace di determinare una linea di comportamento non fine a se stessa ma costantemente rivolta alla ricerca di perfezionamento tramite un rigoroso percorso di perfettibilità in ogni soggetto “libero e di buoni costumi”, peculiari caratteristiche dell’uomo Massone dalla notte dei tempi.

Oggi ci troviamo nella medesima situazione ma nel frattempo stiamo assistendo al disfacimento dei valori morali di un tempo ad opera di linee di condotta mal intese ed ancor peggio interpretate, col predominio degli interessi individuali.
Gli uomini, i popoli, le nazioni, le culture, le civiltà hanno sempre mutuato da altri insegnamenti, benefici, progresso: e dai reciproci apporti
, l’umanità tutta ha tratto vantaggi e derivato progresso. Solo quando gli uomini e le loro aggregazioni (entità finite, siano esse singoli, gruppi, nazioni, continenti, istituzioni) capiscono (e applicano) che nessuna entità finita è il “tutto” e/o il “meglio”, ma ognuna è parte del tutto nel grande disegno della vita, allora si potrà costruire un mondo migliore.

Allora, se i Vertici della Massoneria Internazionale tacciono (forse per interessi inconfessabili…) noi ci rivolgiamo ai Massoni, a tutti coloro che hanno scelto la via iniziatica: il richiamo alla ricerca di un “bene comune”.
Sono parole rivolte a noi, ma anche a tutti coloro che sentono di essere Massoni. Una domanda sorge spontanea, anche perché rivolta a Fratelli per i quali l’uso del compasso è cosa antica, “CHI SIAMO, COSA FACCIAMO E DOVE ANDIAMO”. Domanda chiaramente provocatoria ma attuale: basti vedere il comportamento di molti Fratelli per rendersi conto del vuoto istituzionale e profano. Molti Fratelli si chiedono cosa faccia la nostra istituzione per risolvere questa situazione che coinvolge ormai tutto il globo. La risposta è la constatazione del “dividi et impera” come dicevano e mettevano in pratica i Romani: è questo che sta accadendo nella nostra istituzione. L’inganno si è insinuato anche tra coloro che avrebbero dovuto sorvegliare e reagire, ma la forza che ha sempre caratterizzato la nostra Istituzione è stata congelata. Questo stato di cose ci obbliga alla riflessione, ci obbliga al confronto con tutti i Fratelli che si dichiarano di “buona volontà” e si mostrano disponibili affinché il Melograno diventi veramente elemento di unità. Noi, come altri, non ci stancheremo di lavorare per il nostro e. soprattutto, per il BENE DELL’UMANITA’. Un lavoro che assolviamo con umiltà lasciando fuori la materialità ed esaltando quelle virtù che noi tutti, entrando in un TEMPIO, facciamo accendendo nel suo significato quel candelabro chiamato, sin dall’antichità, MENHORA. Il Massone deve riprendere coscienza di sé, del suo operato e delle sue azioni: solo così facendo si potrà ricreare quell’UNIVERSALITA’ indispensabile a tutti noi e al mondo intero.

Ci rivolgiamo, dunque, a tutti quei Massoni che potranno avere il buon senso o il coraggio di dire “
Basta! E’ giunta l’ora di agire! sulla base dei principi per i quali si è Massoni e si resta in Massoneria; per chi sceglierà diversamente, sarà davvero difficile continuare ad autodefinirsi “Massone”. E il compito di ogni massone, dinanzi ad una crisi mondiale in continuo aggravamento, dovrebbe essere quello di stabilire con tutte le forze la vera Fratellanza, svolgendo una funzione di “collante” tra le pietre migliori, quelle ben squadrate. Essa si configura come lo strumento del giusto vivere, sia nella dimensione individuale che collettiva; rappresenta, inoltre, la base della vita, sulla quale costruire relazioni sincere, non mirate ad interessi personali.
Un “sistema” sociale sta crollando. Quando crolla un “sistema” è necessario sostituirlo con un altro: se non si è pronti per una alternativa, se non si è preparata una alternativa, allora si cade nell’abisso. E’ l’Istituzione Massonica nella sua Tradizione che ci indica “Che fare”: ri-alzare le Colonne del Tempio nella Universalità della Fratellanza, uscendo dal tunnel dell’inerzia e dell’indifferenza.

Il Dialogo non significa “cedere” qualcosa a qualcuno, ma trovare un punto d’incontro sul quale porre le basi per capire le ragioni degli uni e degli altri. Se vogliamo ri-costruire un Tempio comune, occorre ri-costruire un Dialogo, passo dopo passo.
Per
ri-costruire un Dialogo occorre essere interlocutori.



Share |

Torna ai contenuti | Torna al menu