Gran Loggia di Sicilia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Solstizio d'Estate 2014 - Ordo ab Chao?

Documenti

English version

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

Summer Solstice 2014

The ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE for the Mediterranean Jurisdiction – has celebrated the anniversary of the Summer Solstice 2014 in a Convent at the Zenith of the Mediterranean. The Ritual Masonic Body, the Grand Masters and the Venerable Masters of the Mediterranean Grand Lodge, the National Grand Lodge of Ancient Freemasons of Italy, the International Mediterranean Grand Lodge and the Grand Lodge of Sicily have taken part at the closure of the ritual works, the Supreme Council has approved the Document entitled “ORDO AB CHAO ?“.


Document Summer Solstice 2014
of Supreme Council of the 33rd
:. grade
of the Sovereign Grand Inspector Generals
of the ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE
for the Mediterranean Jurisdiction
ROSAE CRUCIS ORDO

Ordo ab Chao?

Ordo ab Chao? Is Globalisation the ante-room of a new universal (dis)order? Those two questions need answers, if we want to understand what is the mutation progressing in the World where we live. Mutation and not change but forced adaptation. A provoked phenomenon mystified as natural. Is it a new world-wide (dis)order called for the Goodness of Mankind or a full check of Mankind?
It seems several centuries ago when David Rockefeller, in 1991, declared: ”
The world is ready to reach Universal Government. The supranational sovereignty of an intellectual élite and world bankers is to be preferred to the national self-determination acted centuries ago..
James Paul Warburg, on February 17, 1950, confidently declared to the United States Senate: “We shall have a World Government, whether or not we like it, achieved by conquest or consent.”.
It should need to set up some proper analysis as for the too many questions destined to remain entirely without answers considering that too many are talking but at least the same number is not disposed to listen; the speech becomes such a difficult exploit making null the calls for solutions which could lead to a new possible world balance. It seems to prevail the choice for chaos and embarrassment, in order to create artificially a fog suitable to hidden the handlers of the world scenario.

Away from the eyes of majority
We can forgive a baby afraid by darkness. The true tragedy of life is when a man is afraid by light” Plato said. The fear, considered by the common opinion as an inconvenience for few, has nowadays became an almost natural condition of social life. The western society appears dominated by the uncertainty of future and by the insecurity that characterize the different fields.
The new Media have revealed to operate as instruments to practice more and more invasive form of conditioning the crowd whether in the operative choices than in the sterilization of the critical thought.
According to Epicurus, “
The fear is the biggest reason of unhappiness. Therefore, to be happy, man has to get free from fear.”. But who will be successful in this enterprise and how?
Nowadays the fears concerning the economical perspectives of every single state have much exceeded all the social insecurity elements. The analysis on the bottom trends of the world economy, leads to consider irreversible the process of change showing the manufacturing industries finalized to a forwarding decline inside the area of the countries till now considered developed in favour of a systematic and no stop delocalisation in those countries where the labour costs are almost insignificants.
It comes out the practical impossibility to grant the keeping of the employment levels for the next decades, moreover of the social level and the general welfare till now existing in western countries.
Therefore the subsidiary labour conditions are finalized to an increasing deterioration, families will become more and more poor while the number of the youngest people, to whom is closed the entrance to the labour market, will increasingly grow.

...the manoeuvres of the “superiors”
Certain men who repute themselves “superior” since they own “a” power, do not want to be included in one ‘class” of the world but they want to be the ”lords” of the world. For this reason they pursue a project of “ a new world (dis)order.”Some other men who have the power of knowledge, not accepting the role given to mankind in the stated order of all what is existing in the cosmos, want to take the place of the Creator: This is the dragging danger of the out of control technological innovations, not addressed to the development of society but planned to bring new welfare to whom already owing it.
It is necessary to find out the actual border line between white and black, “white and black” that actually do not look any longer so distinct since are now appearing in the superimposition of thousand shades.
The period we are passing by could not avoid from a to-morrow clear vision which keep into consideration the meaning of the present time created by a past that strongly offers very expensive and negative experiences. It is necessary to exceed the well known outlines of living to discover a possible balance.

Wolfhart Pannenberg declared: “
Man is naturally an historical being. This does not only mean that men could and might necessarily decide from time to time about the contents of their life and that life is consequently the result of those actions. Nothing can be taken in a definitive way but everything is in perennial movement, human situations are in a continuous change.”. A community can exist only if a sufficient number of individuals takes care in servicing the mankind, choosing to operate for the common welfare. But this time seems to be still far, as we are all concentrated on our primary needs being slaves of the daily uncertainty.

The instability in government...
We had underlined that instability could only create new instability ( Summer Solstice Document 2013 ).
The world which appears today at our sight is more unsteady of what one could expect and what is appearing on our horizon it might be more complicated of what one could imagine.
A global order of various kind is growing up more and more: this is the anti-altar of the lacking role of the U.S.A. as the unique world power, with the roles more and more impressive given to Russia and China. In this contest is outlined an increasing crisis of the role of international institutions like ONU, now reduced to a feeble echo of peculiar interests and then basically unable to be a barrier for keeping peace.
In parallel, the world scenario sees the consolidated hegemony of power extra national groups, endowed of incredible gathering of financial funds whose sole mission is to create further occasions of profit, even if in contrast with the single national states.
Europe is lacking in any appearance of unity, limited to show its power only on the Euro with a relative triumph of such particular interests to make it a mere expression of economical interests.
Regional conflicts are possibly originated from the dominating power generally for precise economical interests; a clear example is the event of the so-called “Arabian Springs”, triumph of instability, of the tribal violence, of all the arising religious extremism, of the terrorism: a tragedy paid by the northern cost of Mediterranean, since it is related to the fighting territories explosion, with the increasing number of “desperados” escaping from the war zones.
Those being the basis of a complete panel, the analysis of the Italian position, for example, give, if possible, more and more reasons of apprehension which evidentially concern a country in irreversible decline from an economical point of view. The democratic institutions, set up after the second world war, even in our home country show a clear oldness and inability to the change, naturally erasing an impulse of general popular refuse towards the crimes of the parliamentary system, with the corresponding regular robberies like that one towards the unsupportable block to recognize merits, the prevailing rules of nepotism and the fulfilling of every valid space by parties, unions and every coexisting societies.
The information who could have a definite role in the rescuing and in the general knowledge, it looks to be absorbed by a kind of vocation to sleep that makes the news expired before publishing it and that the true information is more owned by one elite than of those who believe to own it.
We could not take into consideration that Media are rather a source of manipulation and bulk conformism totally dedicated to the dominating groups of power, substantial refuse of the same concept of freedom.

... and the dominion over freedom
The sole reality is that one by somebody defined the “International Money Republic”: one hundred trillions of U.S. Dollars (amount calculated by the Bank of International Rules) which are stored in enormous global banks, in big hedge fund and in the shadow banking. It immaterially travels over the heads not only of the single ignorant citizen but mostly over the same national government (and the organisations where they scarcely discuss) defining the policies that today we are obliged to support without any instrument suitable to contrast their plans. This is the only visible avant-garde of the future republics, starting from the digital ones. Plenipotentiaries of the above mentioned republics, whose logos can be seen on our Smartphone’s screens, TVs and PC; if from one side they are told as the pioneers of new frontiers, on the other they are, in reality, configuring themselves as the new monopolists.
An example above all, that of Google controlling the 70% of Internet’s planetary researches (90% in Germany), thanks to its several tricks on personalization on each single user (supposed) free, but actually paid by the transfer of all private information on its own interests and tastes ) is accomplishing the “Big Brother” Dream. The fact is that hegemony on the Media doesn’t respect any local regulations of markets and control on private lives, their knowledge, their will, making Google itself a “Big Brother”, far from Orwell’s conception, as the last was ruling on fear, while Google is doing it in (supposed) freedom of choice.

Where is the Masonry?
Masonry seems to live moments of big uncertainty in the world; it does not find its way in a society where antithetical pushes and contrasting interests are prevailing.
Thomas W. Jackson, Executive Secretary of the World Conference of Masonic Grand Lodges, held on last days of the past year, has given out an alarm: ”
Masonry survived and flowered for three millenniums in a continuous developing environment, keeping the philosophical principles and the rites of tradition. Actually we are aware to have adopted the prevailing perspectives of the secular world. The biggest obstacle that we have to surpass today is the lacking of vision and the unavailability to understand the purpose and the meaning of Masonry (...). Masonry is one élite organisation, in spite of those who repute that élite is a dirty word. When we have undersigned the rule to accept only good men, we became one élite and we must remain one élite. The lacking of selection in the enrolments has had a disastrous impact.
Now we have to decide which identity of Masonry we want to give to the world. We must give the image of our past, the one of a powerful and influent instrument of Freedom, Brotherhood and Equality of the Humanity, of that Institution which has supported the moral and ethnic values on which to build a Society or offer the image of one lasted organisation? Masonry does not make mistakes, the Masons surely do.”
.
The Universal Masonry has (or we should say it “should have”) the aim of helping Humanity so that could be the Light in the unknown to everybody project of the Great Architect of Universe.
It is nowadays well-founded that a big part of Masonry, even if recognizes itself in the principals and in the ideals of the free thought, it is submerged by too many economical lobby interest.
We all have the purpose or rather the duty to do all is possible to make Humanity aware to understand all the incoming risks. The Masonic Institution, in its Mother Houses (USA and Great Britain), has lost lastly its Universality and, as outlined, its “identity”. The Mother Houses have finally treated the Grand Lodges in the world as personal colonies, often countered (see as tangible proof the question of the so-called “recognitions” given to the Grand Lodge as subsidiaries of one block or of the other) and all this in spite of the Universal Brotherhood principle. Since decennials are not diffused addresses of common (or uncommon) brotherly cooperation or operative “lines“, notwithstanding they are strongly required by many parties. The “western“ institution has practically shaped into economical, political or military lobby according to specific interests often contrasting with the purpose to create transferability and above all the chaos that we find in society. As far as we are concerned, we belong to the most ancient Institution recognized by Humanity. Its origins are lost in the night of times, suspended as they are between history and myth. It is living (and together we live) because of an eternal generating force, unlimited in every direction and at any time, well further to the physical and provisional horizon: it has been and will always be the soul of Humanity, of the world, of the Universality always addressed to the Good, to the perfection, to the glory of the Great Architect of the Universe. Are we able to see and project ourselves entirely?
Certainly not by ourselves, but united as living members of the Institution we could address to full included goals, we could jump across new frontiers, that notwithstanding partially seen or imagined, seem to be far away when we stubbornly are isolating and cutting ourselves off.
Gathered into a single living entity, we can contribute to the establishment of the Universal Temple and to win after the gifts we received from our fathers, those gifts we will forward to our sons and nephews and even when the single names will be lost, the imprinting of each single “righteous” soul will survive. To do the best we must all fully exploit those tools that the different ages are giving to us, each one according to our own abilities and competences, using our best efforts by sacrificing body, mind and soul.

The Masonic Frontier
Whenever should exist so many populations as Princes or One Single Binary People, the Person is and will always be the Centre from where everything have had Origin, adapting the actions of the free men to the speed by which the dynamism of the power are developing and lasting in time around all of us.
We are looking for a Temple which will be edified in the Mediterranean together to whom that find themselves Inside a participated project and inside the lovely principals of the Universal Brotherhood.
One Temple whose high columns look from East to West, from North to South. If for one side is glad for the technological discovers of Few, from the other side looks worried to what their utilisation will determine in the life of Many. Exactly how we are continuing to observe from one side the “financing of the global economy“, (with the Matter submitted to the Number) and the consequent meeting of the two occidental pyramids asymmetrically upside down (the biggest enslaving the smallest) and the Golden Oriental Finance. This is the reason why we strongly repeat: The Bio is Value that makes Value.
Today is necessary to give to the Word the dignity and the deep meaning that only Masonry can give, making it an instrument for Dispute or Freedom, for Quarrel or Agreement.
Against the empting of the contemporary sense, it is time to recover centrality at the bottom, to get back the centrality of Bio, so that the true word might go back to the Man to make himself able to find his own identity. To do that, the only way is a waking up (or renaissance) of Masonry Institution which only Mediterranean Masonry may determine: from Mediterranean, cradle of ancient civilisations (nowadays land of thousand tensions and contrasting interests, which needs those able to bring again together ), the “new” civilisation is offered and given to reach the principles of institution, to operate a real change and not a mutation of the actual world conditions of precariousnessand decline.


Versione italiana

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

SOLSTIZIO D’ESTATE 2014

Il Rito Scozzese Antico e Accettato per la Giurisdizione del Mediterraneo – Rosae Crucis Ordo Mediterranean Jurisdiction, ha celebrato la ricorrenza del Solstizio d’Estate 2014 in un Convento allo Zenit del Mediterraneo. Hanno preso parte il Corpo Massonico Rituale, i Gran Maestri e i Maestri Venerabili della Mediterranean Grand Lodge, della Gran Loggia Nazionale degli Antichi Massoni d’Italia, della International Mediterranean Grand Lodge e della Gran Loggia di Sicilia. A conclusione dei lavori rituali il Supremo Consiglio ha approvato il Documento dal titolo “Ordo ab Chao?”.


Documento del Solstizio d’Estate 2014
del Supremo Consiglio del 33° e ultimo grado
dei Sovrani Grandi Ispettori Generali
del Rito Scozzese Antico e Accettato
Giurisdizione del Mediterraneo

ROSAE CRUCIS ORDO


Ordo ab Chao?



Ordo ab Chao? Globalizzazione anticamera di un nuovo (dis)ordine mondiale?
Due interrogativi ai quali occorre dare risposta, se si vuole comprendere ciò che è la “mutazione” in atto nella Terra che abitiamo. Mutazione e non “cambiamento” ma adattamento forzato. Un “fenomeno” provocato che viene fatto passare come naturale.
Un nuovo (dis)ordine mondiale auspicato per il “Bene dell’Umanità” o per un “controllo totale dell’Umanità”?
Sembrano passati secoli da quando David Rockefeller nel 1991 dichiarava:
“Il mondo è pronto per raggiungere un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di una elite intellettuale e di banchieri mondiali è sicuramente preferibile all’autodeterminazione nazionale praticata nei secoli passati ".
Decenni prima, nel 1950, James Warburg, banchiere, alla Commissione Esteri del Senato
degli Stati Uniti affermava: "Che vi piaccia o no, avremo un governo mondiale, o col consenso o con la forza".
Occorrerebbe piuttosto costruire adeguate analisi, rispetto ai troppi interrogativi, destinati a rimanere del tutto senza risposta considerato che in tanti parlano, ma almeno altrettanti non sono disposti ad ascoltare; il dialogo diventa
così impresa ardua e cadono nel vuoto gli appelli per soluzioni che conducano ad un nuovo possibile equilibrio mondiale. Sembra prevalere la scelta del caos, della confusione, al fine di creare artificialmente una nebbia atta ad occultare i manipolatori dello scenario mondiale.

Lontano dagli occhi dei più...
Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio. La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce”, diceva Platone. La paura, considerata nell’opinione comune come un disagio di pochi, è divenuta oggi condizione quasi connaturata con la vita sociale.
La società occidentale appare
dominata da incertezza sul futuro e da insicurezza, che ne caratterizzano i diversi ambiti.
I nuovi mezzi di comunicazione si sono rivelati, a tale scopo, strumenti per esercitare forme sempre più invasive di condizionamento
sulle masse, sia nelle scelte operative, che nella sterilizzazione del pensiero critico.
Secondo Epicuro “
La paura è la maggiore causa di infelicità. Dunque per essere felici bisogna liberare l’uomo dalla paura”. Ma chi riuscirà in tale impresa e in che modo?
Oggi le paure
inerenti le prospettive dell’economia dei singoli paesi hanno superato di gran lunga tutti gli altri fattori di insicurezza sociale.
Le analisi sulle tendenze di fondo dell’economia mondiale portano a considerare irreversibili i processi di cambiamento, che vedono il
settore manifatturiero destinato ad un inarrestabile declino nell’area dei paesi finora considerati sviluppati, a favore di una delocalizzazione sistematica ed inarrestabile nei paesi in cui il costo del lavoro è quasi insignificante. Ne deriva l’impossibilità pratica di assicurare nei prossimi decenni il mantenimento dei livelli occupazionali, dello stato sociale e dello stesso benessere complessivo finora esistenti in Occidente.
Ne deriva che le condizioni del lavoro subordinato sono destinate a crescente deterioramento, le famiglie diventeranno sempre più povere,
mentre in maniera irreversibile crescerà il numero dei giovani cui è precluso l’accesso al mercato del lavoro.

...le manovre dei “superiori”
Certi uomini, chi si ritengono “superiori” perché detengono “un” potere non vogliono essere inseriti in un “ordine” del mondo ma vogliono essere i “signori” del mondo. Per questo motivo perseguono il progetto di “un nuovo (dis)ordine mondiale”. Certi altri uomini che posseggono il potere della conoscenza, non accettando il ruolo assegnato all’Uomo nell’ordine costituito di tutto ciò che esiste nel cosmo, vogliono prendere il posto del Creatore: è questo il pericolo strisciante delle innovazioni tecnologiche “fuori controllo” non mirate allo sviluppo della società ma programmate a portare nuova ricchezza e potere a chi già li possiede.
E’ indispensabile individuare l’attuale linea di confine tra bianco e nero, “bianco e nero” che attualmente non si mostrano più distinti così come appaiono nella sovrapposizione di mille e mille sfumature. Il momento che si attraversa non può prescindere da una visione chiara del domani che tenga conto di ciò che sta rappresentando il presente nato da un passato che prepotentemente ripropone esperienze negative pagate a caro prezzo.
E’ indispensabile superare gli schemi conosciuti del vivere per scoprire un equilibrio possibile.
Afferma Wolfhart Pannenberg: “
L’uomo è per sua natura un essere storico. Ciò non significa soltanto che gli uomini possono e debbono necessariamente decidere di volta in volta sul contenuto della loro vita e che la vita è la conseguenza di queste decisioni”. Nulla può essere preso in maniera definitiva, ma tutto è in continuo movimento, le situazioni umane sono in perenne mutamento. Una comunità può esistere solo se un numero sufficiente di individui si assuma un compito di servizio dei propri simili e scelga di operare per il bene comune. Ma sembra ancora lontano questo tempo, concentrati come siamo sui nostri bisogni primari, schiavi dell’insicurezza quotidiana.

L'insicurezza al governo...

Avevamo segnalato come l’instabilità non possa che creare nuova instabilità (Documento del Solstizio d’Estate 2013).
Il mondo che si presenta oggi ai nostri occhi è ancora più instabile di quanto ci si potesse aspettare e ciò che pare profilarsi al nostro orizzonte è forse più complicato di quanto si potesse immaginare.
Sempre più va configurando un assetto globale di tipo mutilpolare, certamente prodotto dalla globalizzazione: è questo il contraltare del venir meno del ruolo degli USA come unica potenza mondiale, con ruoli sempre più decisivi attribuiti a Russia e Cina. In tale ambito si delinea una crisi crescente del ruolo delle istituzioni internazionali, quali l’ONU, oramai mera cassa di risonanza di interessi particolaristici, e quindi sostanzialmente incapaci di essere barriera per il mantenimento della pace.
In parallelo, lo scenario mondiale vede il consolidarsi dell’egemonia di gruppi di potere transnazionali, dotati di inimmaginabili concentrazioni di capitali finanziari, la cui unica missione è quella di creare ulteriori occasioni di profitto, anche in conflitto con gli interessi dei singoli stati nazionali.
L’Europa priva di qualsiasi parvenza di unità, si limita a proiettare la propria potenza solo nell’euro, con un correlato tripudio di interessi particolari tale da renderla mera espressione di interessi economici.
Conflitti regionali sono possibili, originati dalle potenze egemoni in genere per precisi interessi economici; ne è un esempio eclatante il caso delle così dette “primavere arabe”, trionfo dell’instabilità, della violenza tribale, dei rigurgiti di tutti gli estremismi religiosi, del terrorismo
: una tragedia di cui la sponda nord del Mediterraneo fa le spese, visto come è legata al ribollire di territori in guerra, con aumento vertiginoso dei disperati che fuggono dalle zone di conflitto.
D’altra parte i conflitti in atto si mostrano nella brutalità più evidente della necessità del controllo delle materie prime: allo scontro, negli scorsi decenni vestito dei caduchi panni dell’ideologia, si è sostituita la lotta per “la democrazia”, veicolo di un riposizionamento delle influenze delle potenze militari maggiori, nel tentativo di instaurare nuovi regimi più controllabili. Tutto ciò porta da un lato a dilatare gli accordi di libera circolazione delle merci e dei capitali, dall’altro alla necessità di innestare di continuo elementi di destabilizzazione degli assetti di intere aree, quasi che da una visione ecumenica della globalizzazione (la pace mondiale, la non proliferazione e la de-nuclearizzazione, l’ONU come garante super partes ecc.) i gruppi economico-politici più rilevanti sul piano globale stiano optando per scelte di creazione e di governo della instabilità, che alimentino, in maniera più o meno occulta, le correnti sotterranee, foriere di processi d’indebolimento nelle aree d’interesse. A tutto ciò non sembra estraneo il “mutare” delle condizioni di accesso alle fonti d’energia, con gli USA passati dalla dipendenza dal petrolio del Medio Oriente al ruolo di esportatori potenziali, l’indebolimento delle potenzialità di accesso all’approvvigionamento dei Paesi dell’area Euro a causa delle dinamiche innestate nel Nord Africa, delle più difficili condizioni di dialogo con la Russia per la crisi Ucraina (per altro dall’oleodotto che attraversa questa nazione transita l’enorme quantità di gas siberiano indispensabile per l’area euro), dalla “evoluzione” della condizione dell’Iraq, ormai prossimo al controllo jaidista e la conseguente fibrillazione prevedibile per l’intero Medio Oriente.
Se queste sono le premesse di quadro complessivo, l’analisi della condizione dell’Italia, per esempio, fornisce, se possibile, ancora più motivi di apprensione. Trattasi con tutta evidenza di un Paese in declino inarrestabile da un punto di vista economico. Le istituzioni democratiche, instaurate dopo il II conflitto mondiale, anche in questo Paese dimostrano palese vetustà e incapacità di cambiamento, generandosi spontaneamente nella popolazione un moto di ripulsa collettiva verso le storture del parlamentarismo, con le connesse sistematiche ruberie, come verso l’insopportabile preclusione al riconoscimento del merito, il prevalere delle logiche clientelari e dell’occupazione di tutti gli spazi occupabili da partiti, sindacati e da tutta la congerie di consorterie esistenti.

L’informazione, che potrebbe avere un ruolo determinante nel riscatto e nella consapevolezza collettiva, pare anch’essa assorbita da una sorta di “vocazione al torpore” che fa sì che la “notizia” scada ancor prima dell’istante in cui è pubblicata e che la “vera” informazione sia più appannaggio di una “èlite” che di quelli che credono di possederla. Non si può che prender atto che stampa e mezzi di informazione sono piuttosto fonte di manipolazione e di conformismo di massa, nel totale asservimento ai gruppi di potere dominanti, nella sostanziale negazione del concetto stesso di libertà.

… e il dominio sulla libertà
L'unica realtà è quella che qualcuno definisce la “Repubblica internazionale del denaro”: cento trilioni di dollari (cifra calcolata dalla Banca dei regolamenti internazionali), che sono stipati in mega banche globali, nei grandi hedge fund, nello shadow banking. Essa viaggia, incorporea, sopra le teste non solo dei singoli cittadini ignari ma, sempre più spesso, sopra gli stessi governi nazionali (e le organizzazioni dove essi dibattono sterilmente), determinando le politiche che oggi ci troviamo solo a subire senza alcuno strumento a disposizione per contrastarne i disegni. E questa è solo l'avanguardia, già visibile, delle repubbliche del futuro, a partire da quelle digitali. I plenipotenziari di queste ultime, i cui loghi vediamo scorrere ogni giorno sugli schermi dei nostri smartphone, delle nostre tv e dei nostri computer, se da una parte vengono narrati come pionieri lanciati verso nuove strabilianti frontiere, di fatto si stanno configurando come i nuovi monopolisti. Un esempio su tutti, quello di Google che, controllando il settanta per cento del mercato della ricerca online planetaria (il 90 in Germania), con i suoi addentellati di personalizzazione del mercato su ogni singolo utente, (formalmente gratuiti, ma di fatto pagati con la cessione di notizie private sui propri interessi e i propri gusti da parte degli ignari utilizzatori), sta compiendo il sogno di ogni Grande Fratello. Solo che il combinato disposto tra egemonia nei media, scavalcamento delle regolamentazioni nazionali dei mercati e controllo della sfera individuale della conoscenza e della volontà fa di Google un Grande Fratello, lontano da quello orwelliano, in quanto il secondo governava la paura, Google la (presunta) libertà di scelta.


La Massoneria dov’è?

La Massoneria nel mondo sembra vivere momenti di grande incertezza: non trova la sua strada in una società dove prevalgono spinte antitetiche e interessi contrastanti.
Thomas W. Jackson, Segretario Esecutivo della World Conference of Masonic Grand Lodges, tenutasi alla fine dello scorso anno, ha lanciato un allarme: la Massoneria
“sta vivendo una crisi di identità”. Per Jackson tutto ciò che ha costituto la base fondamentale dell’Istituzione Massonica si sta perdendo: “La Massoneria è sopravvissuta ed è fiorita per tre millenni in un ambiente in costante evoluzione, mantenendo i principi filosofici e i protocolli della tradizione. Ora ci sembra di aver adottato gli intendimenti prevalenti del mondo profano. L'ostacolo più grande che dobbiamo superare oggi è la mancanza di visione e l'incapacità di capire lo scopo e il significato della Massoneria (….). La Massoneria è una organizzazione d’elite, a dispetto di coloro che ritengono che elitismo è una parola sporca. Quando abbiamo sottoscritto il nostro protocollo di accettare solo uomini buoni, siamo diventati elite e dobbiamo rimanere elite (...). La mancanza di selezione nelle iscrizioni ha avuto un impatto devastante (.…). Ora dobbiamo decidere quale identità vogliamo proiettare al mondo. Della Massoneria dobbiamo dare l'immagine del nostro passato, quella di un potente e influente strumento della Libertà, della Fratellanza dell'Uguaglianza del genere umano, di quella Istituzione che ha sostenuto i valori morali ed etici sui quali costruire una società, oppure dare l’immagine di un'organizzazione che ha fatto il suo tempo? La Massoneria non sbaglia, i Massoni sicuro…”.
La Massoneria Universale ha (o dovremmo dire “dovrebbe avere”) il compito di aiutare l’Umanità, affinché sia Luce nel disegno a tutti ignoto del Grande Architetto dell’Universo, ma è ormai assodato che gran parte della Massoneria, pur riconoscendosi nei principi e negli ideali del Libero pensiero, è travolta da tanti, troppi interessi economici di lobby. Noi tutti abbiamo il compito, anzi il Dovere, di far di tutto, affinché l’Umanità comprenda i rischi verso cui è avviata. L’Istituzione Massonica nelle sue Case Madri (USA e Gran Bretagna) ha però perduto in questi anni la sua Universalità e – come fatto rilevare – la sua “identità”. Le Case Madri hanno finito con il trattare le Gran Logge nel mondo come “colonie personali”, spesso contrapposte (ne è una prova tangibile la questione dei cosiddetti “riconoscimenti”, che vengono dati alle Gran Logge, in quanto sudditanze di appartenenza a un blocco o all’altro) e tutto questo in dispregio del principio della Fratellanza Universale.
Da decenni non vengono diramati indirizzi di comune (o non comune) collaborazione “fraterna”, o “linee” operative, nonostante queste vengano da più parti richieste con forza.
L’Istituzione “occidentale” in pratica si è trasformata in lobby (economica, politica, militare), perseguendo interessi di parte spesso contrapposti, che finiscono con il generare trasversalità e, soprattutto, il caos che tutti riscontriamo nella società.
Per quanto ci riguarda, apparteniamo alla più antica Istituzione conosciuta dell’Umanità. Le sue origine si perdono nella notte dei tempi, sospese come sono tra storia e mito.
Vive (e noi con lei viviamo) di una eterna forza generatrice, illimitata in ogni direzione ed in ogni tempo, ben al di là dell’orizzonte fisico e transitorio: essa fu, è e sarà sempre l’anima dell’Umanità, del mondo, dell’Universalità sempre protesa al Bene, alla perfezione, alla gloria del Grande Architetto dell’Universo. Siamo noi capaci di vedere e proiettarci così, “a tutto tondo”? Da soli certamente no; uniti e membri viventi dell’Istituzione, possiamo tendere a traguardi onnicomprensivi, possiamo catapultarci
verso le nuove frontiere che, seppur parzialmente intraviste o intuite, sembrano allontanarsi quando “caparbiamente” ci isoliamo e ci estraniamo.
Uniti a costituire nell’Istituzione un’unica entità vivente, possiamo dare un valido contributo per la costruzione del Tempio universale e vincere per i doni ricevuti dai padri, per i doni che tramanderemo ai figli, per la fedeltà e le virtù dei figli e dei figli dei figli: ed anche se i singoli nomi saranno dimenticati, resterà l’impronta di ogni spirito “giusto”.
E per bene operare dobbiamo tesaurizzare i mezzi che ogni epoca ci mette a disposizione, ognuno secondo le capacità e le competenze proprie, con il massimo impegno, con sacrificio, con intelletto e con amore.


La Frontiera Massonica

Che vi siano tanti popoli quanti i Principi o Un Unico popolo “Binario”, la Persona, è e sarà il Centro da cui tutto ha Origine, adattando l’agire degli Uomini liberi alla velocità con cui le dinamiche del Potere si sviluppano e si protraggono nel Tempo, intorno a Noi tutti.
Guardiamo a un Tempio che, nel Mediterraneo, si edifichi insieme a quanti si ritrovano all’interno di una progettualità condivisa e negli amorevoli principi della Fratellanza Universale. Un Tempio che dalle sue alte Colonne guarda da Occidente ad Oriente, da Nord a Sud, e se da un lato si rallegra per le scoperte tecnologiche dei Pochi, dall’altro, con preoccupazione, guarda a quello che l’utilizzo determinerà nella vita dei Tanti.
Proprio come continuiamo ad osservare da un lato la “finanziarizzazione dell’economia globale”, (con la Materia asservita al Numero) ed il conseguente incontro delle 2 Piramidi Occidentali asimmetricamente capovolte (la più Grande asservita alla più Piccola) e la Finanza Aurea Orientale.
Ed è per questo che con Forza ribadiamo: Il Bios è Valore e genera Valore.
Oggi è necessario restituire alla “Parola” la dignità e il significato profondo che solo la Massoneria le può dare, rendendola strumento per la Contesa o per la Libertà, per un Litigio o per un Patto. Contro lo svuotamento del senso contemporaneo è tempo di recuperarne fino in fondo la centralità, per recuperare con essa la centralità del Bios.
Che la vera parola torni all’Uomo, che l’Uomo si riscopra “Uomo” per ritrovare la sua identità.
Per fare questo l'unica via è un risveglio (o “rinascita”) dell’Istituzione massonica che non può che essere determinato dalla Massoneria del Mediterraneo: dal Mediterraneo culla di antica civiltà (e attualmente centro di mille tensioni ed interessi contrapposti, che necessitano di chi svolga una funzione unificatrice), la “nuova” civiltà per raggiungere l'obiettivo eterno del “Bene dell'Umanità”, il nuovo Umanesimo offerto e “dato” secondo i principi dell’Istituzione, per operare un vero cambiamento e non una “mutazione” delle attuali condizioni di precarietà e degrado in cui versa il mondo.


Share |

Torna ai contenuti | Torna al menu