Gran Loggia di Sicilia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Il dialogo - Settembre 1996

Documenti

GRAN LOGGIA DI SICILIA
Documento programmatico
Settembre 1996

Il dialogo

Affinché le parole non restino sterili enunciazioni, occorre tenere costantemente aperta la porta del dialogo, senza alcuna preclusione.
Bisogna che i potenti guardino con nuovi occhi coloro ai quali la fortuna non ha arriso, e si mostrino disponibili alla solidarietà: la loro posizione non muterà, ma sarà possibile aprire un varco nelle reciproche incomprensioni e contrapposizioni che generano solo intolleranza e odio.
E’ necessario che sia riconosciuto a tutti gli uomini, di qualsiasi razza e condizione, dignità e spazi di pari opportunità, alla conquista di una convivenza civile, nel rispetto dei ruoli che l’intelletto umano concede.
Devono cadere le barriere fra le genti, per consentire il libero scambio di cultura, di idee, di esperienze economiche che offrano nuove metodologie per raggiungere mete comuni.Occorre che si trovino mezzi e strumenti idonei per debellare la povertà in cui si dibattono i Paesi emarginati dallo sviluppo.
Le Religioni possono essere non ciò che separa, ma stimolo efficace per il risveglio delle coscienze.Occorre determinare i presupposti per un nuovo modo di organizzare la società civile, individuare forme di equa distribuzione del reddito prodotto dal Paese a tutela dei più deboli e costruire una società più giusta.
E’ il momento di promuovere un NUOVO UMANESIMO facendo riferimento alle esperienze culturali cristiane, laiche, riformiste, riformatrici, liberali, per concorrere alla realizzazione di un sistema democratico compiuto.

Per fare ciò non basta operare coerentemente nel proprio ambito: è necessario l’impegno che ogni Massone può esprimere, in grado di proiettarsi verso il cambiamento e governarlo.

Share |

Torna ai contenuti | Torna al menu